Il dolore ai piedi del ciclista

Il dolore ai piedi del ciclista

Le sindromi dolorose che colpiscono il piede del ciclista sono molto frequenti, ma una corretta posizione e talvolta alcuni presidi ortopedici riescono a risolvere situazioni anche gravi. Analogalmente, il tendine d’Achille è soggetto alle stesse condizioni derivanti da un errato appoggio. Analizziamo in breve problematiche e rimedi.

Tra gli atleti che compiono molti chilometri in vista delle gare, diversi soffrono di sindromi dolorose al tendine calcaneare, che li costringono a interruzioni, anche brevi, della preparazione. Le cause principali spesso sono da cercare nell’obbligo di pedalare in modo non corretto: quando il piede è troppo in avanti rispetto all’asse del pedale, si crea una situazione di chiusura sul tendine  che comporta una compressione del tendine stesso sul calcagno e ciò avviene quando il pedale raggiunge il punto morto superiore, a pedivelle poste in verticale. Le cause dell’eccessivo avanzamento del piede possono essere determinate dal tacchetto troppo avanzato, dalle scarpe inadeguate, dalle pedivelle troppo lunghe, dalla sella che punta verso il basso o da un elevato regime di rotazione dei pedali.

Pedalare troppo in punta significa utilizzare in modo errato il movimento della caviglia, che invece con la sua mobilità è la salvezza del tendine. La correzione delle tacchette va effettuata cercando l’assialità dell’articolazione metatarso-falangea sul pedale e, nel caso in cui la situazione negativa persista, è opportuno trasgredire alla regola spostando posteriormente le tacchette e sgravando il lavoro dell’avampiede. Le pedivelle troppo lunghe generano una compressione dovuta alla chiusura del calcagno verso il muscolo soleo, che innesca la forma infiammatoria. È un errore comune ai brevilinei, che regolano la lunghezza delle pedivelle sulla base della loro altezza, non considerando che i loro arti inferiori non sono proporzionati al tronco. La punta della sella verso il basso origina in parte la stessa situazione sul calcagno, provocando lo scivolamento dell’atleta verso l’anteriore della bicicletta.

Anche una deformazione morfologica può dare inizio alle patologie del tendine del calcagno: è il caso di dismetrie molto accentuate (oltre 1 cm) sugli arti inferiori o di insufficiente lunghezza del tendine. In questi due casi è opportuno consultare un ortopedico, che valuterà la necessità di riequilibrare la postura utilizzando degli appositi spessori. Il fai da te in questo caso è molto pericoloso, poiché l’utilizzo degli spessori sotto alle tacchette spesso provoca delle turbe biomeccaniche molto dannose. La dismetria, se realmente esiste, deve essere identificata da professionisti, partendo dal concetto che in base al segmento articolare (femore o tibia) la procedura di correzione è differente.

Il bruciore al piede

I bruciori ai piedi sono spesso l’effetto di un errato carico sulla suola. Non sempre si risolve il problema solamente equilibrando l’appoggio della volta plantare, spesso la soluzione giusta è la distribuzione delle forze su tutto il pavimento plantare. Questo significa che non è sufficiente un generico plantare per correggere la spinta, ma esso deve essere scelto in funzione dell’allineamento delle tacchette e delle caratteristiche motorie dell’atleta. La rilevazione dei carichi di appoggio si deve effettuare con strumentazioni che misurano le pressioni in movimento, perché l’analisi statica da sola è spesso approssimativa, sufficiente al limite per una corretta deambulazione e non certo per lo sforzo richiesto da una gara ciclistica. Concorrono a generare bruciore ai piedi anche un’insufficiente aerazione; risultano quindi importanti la tomaia e il tessuto della calzatura e la chiusura della scarpa, che non deve essere mai esagerata. magari giusto in vista dell’ultimo chilometro, per lo sprint decisivo. A tale proposito i moderni sistemi di chiusura a strappo più rotore sono molto comodi in corsa.

Un’altra causa di bruciore riscontrata è il valgismo del retro piede (all’opposto del varismo tipico di molti giocatori di calcio), tipico di chi ha iniziato l’attività ciclistica nelle categorie giovanili. La caviglia risulta flessa verso l’interno del pedale, provocando una compressione molto elevata all’altezza del primo e secondo metatarso, tale da rendersi necessario un plantare di scarico. Arretrare il tacchetto anche in questo caso può essere una soluzione momentanea, in attesa delle ortesi. In questo caso anche la scelta delle scarpe può essere determinante, con una suola piuttosto stretta che evita un movimento laterale doloroso.

Ortesi plantari

Per evitare problemi complicati da risolvere, esistono oggi dei sistemi di valutazione molto approfonditi che possono mappare la volta plantare, definendo i picchi di carico di pressione, oppure verificare la dismetria degli arti inferiori. Queste strumentazioni, utilizzate dai tecnici podologi, servono per riconoscere il grado di dismetria oppure la conformazione dell’appoggio plantare ed eventualmente consigliare ortesi capaci sia di stabilizzare il movimento degli arti, sia di equilibrare la pressione applicata sulla suola della scarpa. In casi estremi di particolare morfologia del piede si arriva a realizzare una scarpa su misura.

Essendo possibili modifiche post realizzazione, i plantari devono essere corretti in base alle caratteristiche morfologiche di pedalata dell’atleta, dopo una prova su strada. Generalmente si interviene manualmente sulla scarsa flessione (nei punti di massima sollecitazione) del materiale con cui il plantare è realizzato.

COMMENTA

Nome
Email
Messaggio
Invia Commento


Do il consenso
Nego il consenso
Informativa sulla Privacy Ai sensi del Regolamento UE 2016/679 Clicca qui

Informativa sulla Privacy Ai sensi del Regolamento UE 2016/679

Ai sensi del Regolamento UE 2016/679 denominato “Regolamento Europeo in materia di protezione dei dati personali” (GDPR) informiamo gli utenti che i dati personali immessi nel sito sono trattati con le modalità e le finalità descritte di seguito. 

Per trattamento di dati personali ai sensi della norma, si intende qualunque operazione o complesso di operazioni, svolti con o senza l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distribuzione di dati. 

In osservanza delle prescrizioni previste dal nuovo Regolamento in materia di protezione dei dati personali, si comunica quanto segue:

 

1. Titolare del trattamento 


Titolare del trattamento dei dati è Maria Gerla Colomba con sede a Riccione   Via tre baci3 , cap. 47838, che li utilizzerà per le finalità indicate di seguito. Per ulteriori informazioni potete contattarci al seguente indirizzo mail: info@cyclisthotel.com

2. Oggetto del trattamento


I dati personali ed anagrafici (nome, cognome, indirizzo email) da noi raccolti vengono forniti dall'utente in fase di registrazione al sito web www.cyclisthotel.com, all'invio di una richiesta di contatto e/o all'atto di iscrizione al servizio di newsletter. 

3. Finalità del trattamento


I dati personali sono trattati per finalità connesse o strumentali all'attività del concessionario Maria Gerla Colomba quali l'archiviazione nei propri database o lo svolgimento di attività di direct mail marketing. In particolare: 

A. Senza il consenso espresso dell'interessati per:

  • La richiesta di registrazione al sito web;
  • La ricezione di un messaggio inviato tramite il form “Contattaci”. Al momento della compilazione del form vengono richiesti i dati personali (nome e indirizzo di posta elettronica) con i quali successivamente l'utente sarà identificato al fine di inviare una risposta all'indirizzo email indicato.

B. Con il consenso espresso dall'interessato per l'iscrizione al servizio di newsletter fornito dal Titolare. 

 

4. Modalità del trattamento


I dati personali sono oggetto di trattamento improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza. La società assicura che il trattamento dei dati effettuato con o senza l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati, avverrà mediante strumenti idonei a garantirne la sicurezza e la riservatezza dell'interessato, tramite l'utilizzo di idonee procedure che evitino il rischio di perdita, accesso non autorizzato, uso illecito e diffusione, nel rispetto dei limiti e delle condizioni posti dal Regolamento UE 2016/679.

I dati personali sono sottoposti a trattamento sia cartaceo che elettronico e/o automatizzato.

I dati vengono trattati da nostro personale, ove impegnato nella esecuzione del mandato conferitoci.

 

5. Accesso ai dati


I soggetti che possono venire a conoscenza dei dati personali dell'utente in qualità di responsabili o incaricati (in base all'Articolo 13 Comma 1 del GDPR) sono: 

  • Il Titolare del trattamento
  • Il personale del Titolare del trattamento, per l'espletamento delle richieste dell'utente (registrazione al sito web, iscrizione alla newsletter, risposta ad una richiesta di informazioni)

I dati personali non saranno oggetto di diffusione a terzi. 

 

6. Comunicazione dei dati


I dati potranno essere comunicati a Organismi di vigilanza, Autorità giudiziarie ed altri soggetti terzi ai quali la comunicazione sia obbligatoria in forza di legge, ivi incluso l'ambito di prevenzione/repressione di qualsiasi attività illecita connessa all'accesso al sito e/o all'invio di una richiesta. 

 

7. Trasferimento dei dati


La gestione e la conservazione dei dati personali avverrà su server ubicati in Italia del Titolare e/o di società terze e nominate quali Responsabili del trattamento. 
I dati non saranno oggetto di trasferimento al di fuori dell'Unione Europea. 

 

8. Periodo di conservazione dei dati


I dati personali degli utenti del sito che inviano una richiesta di informazioni tramite il modulo di contatto, saranno conservati per i tempi strettamente necessari all'espletamento della richiesta, per le finalità illustrate nel punto 3.  

I dati raccolti per le attività di registrazione al sito web e iscrizione al servizio di newsletter, saranno inseriti nel database aziendale e conservati per il tempo della durata del servizio, al termine del quale saranno cancellati o resi anonimi entro i tempi stabiliti dalla norma di legge. 

Qualora intervenga la revoca del consenso al trattamento specifico da parte dell'interessato, i dati verranno cancellati o resi anonimi entro 72 ore dalla ricezione della revoca. 

Ai sensi dell'Art. 13, comma 2, lettera (f) del Regolamento, si informa che tutti i dati raccolti non saranno comunque oggetto di alcun processo decisionale automatizzato, compresa la profilazione. 

 

9. Diritti dell'interessato


Gli utenti possono sempre esercitare i diritti esplicitati negli articoli 13 (Comma 2), 15, 18, 19 e 21 del GDPR, qui riassunti nei seguenti punti: 

  • L'interessato ha il diritto di ottenere la conferma dell'esistenza di dati che lo riguardano, anche se non ancora comunicati, e di avere la loro comunicazione in forma intelligibile;
  • L'interessato ha il diritto di chiedere al Titolare del trattamento l'accesso ai dati personali, l'integrazione, la rettifica, la cancellazione degli stessi o la limitazione dei trattamenti che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto alla portabilità dei dati;
  • Ha il diritto di proporre un reclamo al Garante per la protezione dei dati personali, seguendo le procedure e le indicazioni pubblicate sul sito web ufficiale dell'Autorità su www.garanteprivacy.it;


L'esercizio dei diritti non è soggetto ad alcun vincolo di forma ed è gratuito.

A partire dal ricevimento della presente comunicazione informativa, si intenderà rilasciato il consenso al trattamento dei dati personali di cui ai punti sopra.

 

10. Modalità di esercizio dei diritti


Gli utenti possono esercitare i propri diritti in qualsiasi momento, inviando una mail all'indirizzo info@cyclisthotel.com

Oppure scrivendo a mezzo di posta a: 
Maria Gerla Colomba con sede a Riccione   Via tre baci 3 , cap. 47838