Freni a disco si, freni a disco no

Freni a disco si, freni a disco no

 

Sentimenti altalenanti quelli della UCI (Unione Ciclistica Internazionale) nei confronti dei freni a disco. Dopo un’iniziale chiusura totale all’applicazione dei freni a disco sulle bici da corsa, nel 2015 si è cominciato a intravedere uno spiraglio, che ha permesso a qualche squadra di testare la nuova tecnologia solo su una bicicletta per team.

Il risultato positivo del test ha fatto sì che nel 2016 l’Uci concedesse il via libera ufficiale all’applicazione del nuovo sistema anche sulle bici dei pro. Alla prima grande classica, la Paris-Roubaix, il ciclista spagnolo Ventoso è rimasto coinvolto in una caduta che gli ha provocato una lesione muscolare. Il taglio, profondo e davvero impressionante, e la pubblicazione di una lettera da parte dello stesso corridore, hanno fatto sì che l’UCI bloccasse nuovamente la sperimentazione. La foto qui pubblicata si riferisce proprio all'evento in questione.

Una decisione che ha diviso gli appassionati tra sostenitori e denigratori del nuovo sistema: i dischi, nonostante la loro comprovata efficacia, sono stati additati come il pericolo vero per i corridori che non possono mettere a repentaglio la loro incolumità. Tutto questo mentre gli stessi corridori si trovano a gareggiare in posti allucinanti come a Dubai, con temperature di 42° all’ombra, tra moto e auto che possono investirli e scendono a 80 km/h su bici che pesano sì e no 6,8 kg.

E’ proprio di questi giorni la notizia che la UCI ha riaperto il tema dei freni a disco, dando il via a una nuova sperimentazione sulle bici da corsa a partire da gennaio 2017. I rotori dovranno essere smussati e non avere alcun bordo tagliente o spigolo vivo. Inoltre dovranno essere protetti con dei carter appositi (realizzati anche tramite la stampa 3D), che proteggano in caso di caduta.

La UCI ha ‘tirato un po’ il freno’ sui freni a disco - passatemi questo gioco di parole - ed ora bisognerà attendere i prossimi sviluppi, che vedremo all'apertura della stagione già dalle classiche del Nord del 2017. Sarà interessante vedere la risposta dei pro e dei team, se sapranno accettare la presenza di due carter sulle loro bici che andrebbero ad aumentare il peso totale del mezzo. Inoltre sarà da valutare anche la gestione di questi carter da parte dei meccanici, se potranno mantenere inalterati i tempi del cambio ruota.

 

COMMENTA

  1. Marco Ferloni 28/12/2016

    Sinceramente sono dibattuto se considerare la cosa naturale progresso tecnologico o necessità dei produttori di introdurre novità per sollecitare gli appassionati all'acquisto. In ambito professionale trovo molto grave il fatto che la sperimentazione e il relativo utilizzo in gara non venga reso obbligatorio a tutto il gruppo ,reputo infatti estremamente pericoloso la difformità di spazi di frenata che si verrà a creare nelle varie situazioni meteorologiche tra freni a disco e freni a tampone, in un gruppo lanciato pochi metri saranno un grosso problema con il rischio di rovinose cadute. Penso che prima o poi comunque il freno a disco diventerà lo standard.

  1. paolo p. 29/12/2016

    sono sostanzialmente daccordo con Marco anche se penso che l'introduzione dei freni a disco debba avvenire solo alla fine di una sperimentazione che metta in sicurezza dei corridori in caso di incidenti e cadute. Business ad ogni costo no!

Nome
Email
Messaggio
Invia Commento


Do il consenso
Nego il consenso
Informativa sulla Privacy Ai sensi del Regolamento UE 2016/679 Clicca qui

Informativa sulla Privacy Ai sensi del Regolamento UE 2016/679

Ai sensi del Regolamento UE 2016/679 denominato “Regolamento Europeo in materia di protezione dei dati personali” (GDPR) informiamo gli utenti che i dati personali immessi nel sito sono trattati con le modalità e le finalità descritte di seguito. 

Per trattamento di dati personali ai sensi della norma, si intende qualunque operazione o complesso di operazioni, svolti con o senza l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distribuzione di dati. 

In osservanza delle prescrizioni previste dal nuovo Regolamento in materia di protezione dei dati personali, si comunica quanto segue:

 

1. Titolare del trattamento 


Titolare del trattamento dei dati è Maria Gerla Colomba con sede a Riccione   Via tre baci3 , cap. 47838, che li utilizzerà per le finalità indicate di seguito. Per ulteriori informazioni potete contattarci al seguente indirizzo mail: info@cyclisthotel.com

2. Oggetto del trattamento


I dati personali ed anagrafici (nome, cognome, indirizzo email) da noi raccolti vengono forniti dall'utente in fase di registrazione al sito web www.cyclisthotel.com, all'invio di una richiesta di contatto e/o all'atto di iscrizione al servizio di newsletter. 

3. Finalità del trattamento


I dati personali sono trattati per finalità connesse o strumentali all'attività del concessionario Maria Gerla Colomba quali l'archiviazione nei propri database o lo svolgimento di attività di direct mail marketing. In particolare: 

A. Senza il consenso espresso dell'interessati per:

  • La richiesta di registrazione al sito web;
  • La ricezione di un messaggio inviato tramite il form “Contattaci”. Al momento della compilazione del form vengono richiesti i dati personali (nome e indirizzo di posta elettronica) con i quali successivamente l'utente sarà identificato al fine di inviare una risposta all'indirizzo email indicato.

B. Con il consenso espresso dall'interessato per l'iscrizione al servizio di newsletter fornito dal Titolare. 

 

4. Modalità del trattamento


I dati personali sono oggetto di trattamento improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza. La società assicura che il trattamento dei dati effettuato con o senza l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati, avverrà mediante strumenti idonei a garantirne la sicurezza e la riservatezza dell'interessato, tramite l'utilizzo di idonee procedure che evitino il rischio di perdita, accesso non autorizzato, uso illecito e diffusione, nel rispetto dei limiti e delle condizioni posti dal Regolamento UE 2016/679.

I dati personali sono sottoposti a trattamento sia cartaceo che elettronico e/o automatizzato.

I dati vengono trattati da nostro personale, ove impegnato nella esecuzione del mandato conferitoci.

 

5. Accesso ai dati


I soggetti che possono venire a conoscenza dei dati personali dell'utente in qualità di responsabili o incaricati (in base all'Articolo 13 Comma 1 del GDPR) sono: 

  • Il Titolare del trattamento
  • Il personale del Titolare del trattamento, per l'espletamento delle richieste dell'utente (registrazione al sito web, iscrizione alla newsletter, risposta ad una richiesta di informazioni)

I dati personali non saranno oggetto di diffusione a terzi. 

 

6. Comunicazione dei dati


I dati potranno essere comunicati a Organismi di vigilanza, Autorità giudiziarie ed altri soggetti terzi ai quali la comunicazione sia obbligatoria in forza di legge, ivi incluso l'ambito di prevenzione/repressione di qualsiasi attività illecita connessa all'accesso al sito e/o all'invio di una richiesta. 

 

7. Trasferimento dei dati


La gestione e la conservazione dei dati personali avverrà su server ubicati in Italia del Titolare e/o di società terze e nominate quali Responsabili del trattamento. 
I dati non saranno oggetto di trasferimento al di fuori dell'Unione Europea. 

 

8. Periodo di conservazione dei dati


I dati personali degli utenti del sito che inviano una richiesta di informazioni tramite il modulo di contatto, saranno conservati per i tempi strettamente necessari all'espletamento della richiesta, per le finalità illustrate nel punto 3.  

I dati raccolti per le attività di registrazione al sito web e iscrizione al servizio di newsletter, saranno inseriti nel database aziendale e conservati per il tempo della durata del servizio, al termine del quale saranno cancellati o resi anonimi entro i tempi stabiliti dalla norma di legge. 

Qualora intervenga la revoca del consenso al trattamento specifico da parte dell'interessato, i dati verranno cancellati o resi anonimi entro 72 ore dalla ricezione della revoca. 

Ai sensi dell'Art. 13, comma 2, lettera (f) del Regolamento, si informa che tutti i dati raccolti non saranno comunque oggetto di alcun processo decisionale automatizzato, compresa la profilazione. 

 

9. Diritti dell'interessato


Gli utenti possono sempre esercitare i diritti esplicitati negli articoli 13 (Comma 2), 15, 18, 19 e 21 del GDPR, qui riassunti nei seguenti punti: 

  • L'interessato ha il diritto di ottenere la conferma dell'esistenza di dati che lo riguardano, anche se non ancora comunicati, e di avere la loro comunicazione in forma intelligibile;
  • L'interessato ha il diritto di chiedere al Titolare del trattamento l'accesso ai dati personali, l'integrazione, la rettifica, la cancellazione degli stessi o la limitazione dei trattamenti che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto alla portabilità dei dati;
  • Ha il diritto di proporre un reclamo al Garante per la protezione dei dati personali, seguendo le procedure e le indicazioni pubblicate sul sito web ufficiale dell'Autorità su www.garanteprivacy.it;


L'esercizio dei diritti non è soggetto ad alcun vincolo di forma ed è gratuito.

A partire dal ricevimento della presente comunicazione informativa, si intenderà rilasciato il consenso al trattamento dei dati personali di cui ai punti sopra.

 

10. Modalità di esercizio dei diritti


Gli utenti possono esercitare i propri diritti in qualsiasi momento, inviando una mail all'indirizzo info@cyclisthotel.com

Oppure scrivendo a mezzo di posta a: 
Maria Gerla Colomba con sede a Riccione   Via tre baci 3 , cap. 47838